Antonio Barberi


Vai ai contenuti

Il dotto artigiano
La nostra vita è nelle mani degli artigiani: sono essi i padroni della nostra
felicità. Gli artigiani prendono la nostra vita fin dall’inizio, l’accompagnano
attraverso gli anni dell’infanzia, attraverso l’istmo dell’adolescenza,
attraverso il giardino della gioventù, attraverso le selve dell’età matura.
Ho in mente, ho negli occhi, ho nelle mani la forma, i colori dei giocattoli
che mobiliarono, che adornarono la mia infanzia. So che certi
atteggiamenti della mia mente, certi miei gusti, certe mie preferenze
derivano dalla forma, dal colore, dall’odore di certi miei giocattoli. Poi, a
poco a poco, i mobili della casa paterna scortarono il mio ingresso nel
mondo. Si crede veramente che “nulla” sarebbe mutato nel destino di un
uomo, se al posto di un mobile curvo ci fosse stato un mobile angolare?
I nostri rapporti con l’universo, con la natura, con gli alberi, coi fiumi, col
mare, col cielo, con le stelle sono indiretti e ineffabili: il nostro universo
vero, l’universo nel quale noi viviamo, che ci circonda,
ci tocca, ci stringe da ogni lato, è “l’universo fabbricato dagli artigiani”.

Savinio


Torna ai contenuti | Torna al menu